Log in

Vinoway Simposio:"Iniziamo a chiamarlo spumante italiano per consolidare un brand"

In un'atmosfera di festa, con il grande albero di Natale che troneggiava sul fondo di una delle lussuose sale del Palace Hotel di Bari, lo scorso 12 Dicembre  ha avuto luogo l'atteso Simposio sui Vini Spumanti organizzato da Vinoway, come tappa conclusiva  del TakItaly 2016.



Il servizio è stato curato dai sommelier AIS della Delegazione di Bari, premiata quest'anno tra le migliori delegazioni d'Italia per la sua attività di organizzazione  e presentazione di eventi di rilievo. Presenti 32 Aziende produttrici  di spumante ed una Azienda produttrice  di Champagne.





La conduzione dell'evento  è  stata affidata alla  giornalista Alessandra Lofino che, in modo  mirato, ha lanciato spunti di riflessione  e domande  agli ospiti, affinché il profilo  degli interventi fosse volto a fare una  chiara analisi sullo stato attuale della spumantistica pugliese e nazionale, sul ruolo delle istituzioni  e della politica in un momento  in cui risulta necessario che lo Stato si faccia carico della responsabilità di proteggere il vino come patrimonio italiano, tenendo conto delle esigenze dei produttori di salvaguardare qualità e costi allo stesso tempo.

Davide Gangi editor di Vinoway  ed ideatore del Simposio, con il suo intervento ha messo in luce come in Puglia un'azienda,  non presente al Simposio, ha pionieristicamente sperimentato con successo una delle prime produzioni di spumante.



Oggi finalmente questa non è più l’unica realtà, ma ne esistono altre che stanno iniziando a dimostrare che si può produrre anche spumanti di qualità e che non si deve assolutamente competere con le già collaudate  terre vocate alla spumantistica come Franciacorta, Trentino Alto Adige, Oltrepo Pavese, Alte Langhe e le aree del Prosecco Valdobbiadene e Asolo. Davide Gangi auspica che si possa iniziare a chiamarlo Spumante Italiano per poter consolidare un brand che sia riconosciuto in Italia e all’estero. Conclude dicendo che i numeri  dimostrano come in questo momento lo spumante  sia in netta ascesa sul mercato delle vendite.

Un rilancio della qualità  a favore di bollicine che vanno a tutto pasto, rispetto  alle produzioni essenzialmente dolci del passato, e un incremento nel numero con oltre 50 milioni di bottiglie  per il Prosecco. Un gusto che va affinandosi passando attraverso l'apprezzamento dei millesimali e la piena consapevolezza  di  quanta differenza  visiva, olfattiva e gustativa intervenga tra  Metodo Classico e Metodo Charmat.  Intanto  emergono anche nuove zone di produzione di  spumante, tradizionalmente  produttrici di vini fermi, come Marche, Calabria,  Campania  ed anche Sicilia con le sue produzioni  dell'Etna. Alla luce di questa nuova vocazione  spumantistica dell'Italia e dei dati confortanti che vedono un aumento delle esportazioni, tra cui spicca un 38%  verso il Regno Unito, bisogna puntare a  strategie di investimento  soprattutto  nelle dinamiche della promozione del prodotto Italiano.
 
E’ intervenuto poi  Gianni Cantele, Presidente  Coldiretti Puglia, che ha tenuto a mettere in evidenza come l'approvazione del  Testo Unico sul Vino abbia  una  sua valenza comunicativa perché,  partendo da qui, si incominci finalmente  a focalizzare l'attenzione sulle esigenze dei produttori che necessitano  di maggiori tutele. Dal vino si diffonde la cultura  del territorio, ma le risorse disponibili  continuano ad essere  inferiori alle necessità, tuttavia i produttori  raccolgono la sfida e la spumantizzazione in Puglia trova così  risultati confortanti grazie al coraggio di chi si impegna e sperimenta tecniche e possibilità di vinificazione seguendo le  risorse e la cultura del territorio.
 
Così  Carolin Martino, Presidente  del Consorzio Tutela Aglianico del Vulture,  sostiene che la collaborazione tra aziende ed istituzioni è  alla base di ogni spinta innovativa. La Basilicata è ancora agli inizi di un progetto  che spinge alla produzione di spumanti in una terra particolarmente vocata all'Aglianico, la cui vinificazione in bianco corre verso un lavoro di perfezionamento.

Il Presidente Assoenologi di Puglia Basilicata e Calabria, Massimiliano Apollonio, ha ribadito come il turismo enogastronomico, sempre  più  sentito e diffuso, crei un legame indissolubile  con la cultura  del territorio. Il tema della spumantistica, così  legato all'aumento dei consumi, soprattutto  di Prosecco, può  trovare spazio proprio qui in Puglia, terra vocata a questo tipo di turismo. La necessità di effettuare studi specifici sulla  produzione di “bollicine” da vitigni  autoctoni, quasi scomparsi ma adatti a sperimentare  nuovi Brand di spumanti, ha spinto il CREA in collaborazione con  l'Università di Foggia ad  approfondire studi in merito allo scopo di trovare nuove vie percorribili.
 
Alessandra De Candia, Vicepresidente Vinarius, Associazione di Enoteche Italiane,  ha illustrato quali possono essere le esigenze e le problematiche degli enotecari  che devono confrontarsi con un mercato  che richiede la presenza del prodotto  di ogni regione in ciascuna enoteca, con la necessità di dover offrire anche un ventaglio di possibilità sulle bollicine.
Il mercato richiede anche prezzi che siano accessibili  a chiunque voglia acquistare una  bottiglia di vino. Ma poiché il costo di una bottiglia contiene tutti i costi di produzione, è  necessario che ci sia cooperazione e unione di intenti per evitare importanti penalizzazioni sul cliente.

Il noto Alessandro  Scorsone, Maestro Cerimoniere della Presidenza del Consiglio dei Ministri presso Palazzo Chigi, Relatore di corsi per Sommelier e  nel 2008 nominato Miglior Sommelier  Italiano, ha con eccellente  maestria condotto  le degustazioni  delle 33 aziende  presenti e focalizzato di volta in volta l'attenzione  sui diversi aspetti della spumantistica italiana, esaminandone le criticità e ponendo l'attenzione su quello che rappresenta  il percorso di una bottiglia dal produttore  al consumatore.



Il produttore  rappresenta il punto di partenza, perciò  ogni spesa che va a sostenere finisce sul costo della bottiglia, tenendo conto che dal momento della produzione  del vino alla sua vendita ci saranno tempi di attesa in cui nessun  guadagno sarà realizzato. Inoltre, bisogna tenere conto del fatto che al momento  dell'acquisto, sul consumatore ricadranno non solo le spese del produttore, ma anche quelle dell'enotecario e del ristoratore. Ma il piacere di bere il vino non deve necessariamente  essere legato solo  al prezzo, perché  in un calice sono racchiuse molte cose: la storia e la geografia  del luogo dove viene prodotto, le fatiche del produttore  e della sua famiglia, le aspettative  di chi lo beve. Infatti, soprattutto  per quanto  riguarda  le bollicine, non è  detto che  tutti sappiano apprezzare  nell'assaggio quelle che sono le caratteristiche specifiche. È  anche necessaria una cultura  della degustazione per comprenderne la qualità.  I produttori,  invece, devono intuire quale possa essere il gusto di bollicine più  atteso e, puntando sul nuovo trend di ricercatezza e bevibilità a tutto pasto, sperimentare  con gli autoctoni una qualità  che consenta di mantenere linee di eccellenza rispettando le regole.

C’è stata inoltre la testimonianza portata da un produttore  italiano di ChampagneEnrico Baldin della Maison Enrcy,  attraverso il racconto  del suo approdo in Francia e delle resistenze da lui incontrate per via di un campanilismo esacerbato dei francesi nei sui confronti come produttore con origini non radicate nella tradizione  nazionale, ha fatto  comprendere come alla base di uno sviluppo  sostenibile della  spumantistica italiana, Pugliese nello specifico, sia necessaria innanzitutto la coesione tra produttori e mondo delle Istituzioni.



Anche il Presidente di Assoenologi italiano e mondiale Riccardo Cotarella, assente per improrogabili impegni, ha voluto dare il suo contributo al Simposio  facendo pervenire un suo pensiero sulla produzione di spumanti in Italia che ha definito in costante ascesa, sia a livello quantitativo che qualitativo. Ritiene che i nostri spumanti, siano essi i più semplici Charmat fino alle più complesse ed evolute riserve dei Metodi Classici, hanno ormai una propria identità e una sempre più ampia richiesta per merito di un attento lavoro di Enologi e produttori che hanno incentrato la produzione in primis sul territorio ed ultimamente anche sui vitigni autoctoni, invitando comunque gli addetti ai lavori a continuare a sperimentare e ricercare e a non accontentarsi dei pur ottimi risultati ottenuti.

Le degustazioni  sono state condotte secondo un sistema di 4 batterie di assaggio con il seguente numero di successione 0-1-2-3. Secondo  il sistema di degustazione  alla cieca, le bottiglie  sono state servite coperte ed il punteggio, con un range da 1 a 10, è  stato assegnato dopo ciascun assaggio, ma il risultato  finale è  stato comunicato soltanto a degustazioni terminate, senza nè vinti nè vincitori, ma con un semplice sistema di gradimento.





Nessuno dei vini spumanti in degustazione ha ottenuto risultati al di sotto della sufficienza, grazie all’attenta selezione di Vinoway, e le aziende  qui di seguito riportate rappresentano quelle che hanno ottenuto un punteggio maggiore da 8,8 ad 8.

LEONE DE CASTRIS- FIVE ROSES ANNIVERSARIO METODO CLASSICO (8,8)
JASCI & MARCHESANI-AUTENTICO 2012 (8,7)
PAOLO LEO- ROSAROSE ROSE' BRUT 2015 (8,4)
CANTINE MIALI-ARGOS (8,4)
FARNESE VINI - GRAN CUVEE BIANCO SWAROWSKY (8,3)
FONGARO SPUMANTI-FONGARO RISERVA BRUT 2009 (8,2)
FUTURA 14-NOI TRE 2012 (8,2)
TENUTA ROLETTO -SPUMANTE METODO CLASSICO ERBALUCE 2010 (8,2)
MASO MARTIS-TRENTO DOC MASO MARTIS BRUT BIO (8,2)
VIGNETI PITTARO - RIBOLLA GIALLA SPUMANTE (8,2)
BERLUCCHI-BERLUCCHI '61 SATÈN (8,2)
ALBERTO LONGO-ROSÈ DELLA QUERCIA  2014 (8,1)
CANTINE IMPERATORE - ATTIMI 2015 (8,1)
TENUTE RUBINO-SUMARÈ 36 MESI PAS DOSE’ 2015 (8)
AZIENDA AGRICOLA  SAN SALVATORE 1988- GIOI' METODO CLASSICO  BIOLOGICO 2013 (8)

Foto di Vito Gallo & C. s.a.s.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Ultima modifica ilVenerdì, 16 Dicembre 2016 10:42

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.