Log in

Vinoway "esporta" il Primitivo nella Capitale

Quando si decide di intraprendere un nuovo viaggio le sorprese e le emozioni sono gli elementi essenziali che ne determinano il successo e noi di Vinoway  ne siamo orgogliosi!

Il nostro viaggio sensoriale alla scoperta della Puglia, attraverso i propri vitigni, è appena iniziato ma già lascia presupporre a qualcosa di straordinario.

Vinoway ha  tenuto presso la prestigiosa sede del Circolo della Marina Militare di Roma la prima cena di degustazione con otto aziende pugliesi. La serata ha avuto come protagonista indiscusso il Primitivo, vitigno “Principe” della Puglia, un nettare dalle caratteristiche così specifiche, che riesce a rievocare al solo sorso il territorio d’appartenenza.

Abbiamo avuto il piacere di assaporarlo nelle sue varianti: Primitivo di Manduria, Primitivo di Gioia del Colle e alla fine il Primitivo Dolce Naturale.

Le aziende che hanno partecipato, diventando  compagni essenziali di questo viaggio sono: Botromagno, PaoloLeo, Feudi di Guagnano, L’antico Palmento, Tenute Cerfeda Dell’Elba, Ognissole, Cantine Imperatore, Tre Pini e Gianfranco Fino. Grazie alla loro presenza abbiamo avuto la possibilità di percorrere, attraverso il Primitivo, l’intera Puglia toccando l’estremità da Gravina fino a raggiungere Manduria. Un viaggio lungo, ma piacevole che ha accarezzato i cinque sensi. Mozart, Beethoven e Offenbach hanno allietato con le proprie sinfonie tutti i nove assaggi in una progressione di armonie sensuali in grado di tradurre in musica le emozioni e le sensazioni presenti nel bicchiere.

La combinazione tra il cibo e i vini presenti ha determinato la realizzazione di un vero e proprio “Matrimonio d’amore”, che ha stuzzicato il palato e inebriato di piacere i fortunati presenti. I commensali hanno potuto apprezzare la virtuosa progressione dei vini, partendo con il Primitivo Murgia Rosso Igp Botromagno per accompagnare la sfiziosa selezione di bruschette e formaggi proposta dallo chef. Elegante e persuasivo nella ridondanza dei suoi profumi dai frutti rossi alle note speziate, così, il vino dei fratelli D’Agostino ha aperto la cena.



Il Passo del Cardinale, di PaoloLeo, unito al risotto ai funghi porcini, ha regalato toni variegati di tostatura e profumi di frutta matura.

Il piatto pugliese per antonomasia: orecchiette alle cime di rapa è stato abbinato ad Acini Spargoli, Primitivo di Manduria 2011 prodotto da Bruno Garofano, insieme ai suoi tre figli, per l’Antico Palmento.

Complesso e straripante nelle sue note di liquirizia, cuoio e cioccolato fondente regala un finale prolungato.

La seconda parte della degustazione è stata un crescendo di sapori: salumi selezionati, formaggi di media stagionatura accompagnati dalle classiche burrate e brasciolette di carne impreziosite da una spolverata di spezie, abbinati a  quattro vini che raccontano il Primitivo attraverso sfumature differenti.

Mandurino, Primitivo di Manduria 2012 di Tenute Cerfeda Dell’Elba, una bella realtà che onora i suoi vitigni lavorando in regime biologico e Biovegan certificato. Ampio nei propri sentori, rievoca al sorso la frutta matura e lascia al gusto una ventata di macchia mediterranea tutto in pieno equilibrio.

Cantine Imperatore di Adelfia  propone il suo Primitivo, Il Sogno, realizzando un vino dalla struttura possente, grazie al riposo in barrique per oltre 12 mesi, che rivela la sua eleganza senza invadere il palato.

L’azienda Ognissole presenta il suo Primitivo rispecchiando alla vista e al gusto la forza e il vigore di un vitigno che ha fatto del proprio “Terroir”, l’elemento vincente.

Il compito di chiudere la cena spetta al Primitivo realizzato a Cassano Murge, dall’azienda Tre Pini: Piscina delle Monache 2012, con i suoi 16 gradi irrompe al naso e stupisce al palato.

Dulcis in fundo l’istinto e la passione sfrenata dell’ Es più Sole 2012 di Gianfranco Fino entra di prepotenza nel bicchiere e si mostra in tutta la propria eccellenza.

Questa versione dolce del Primitivo quasi imbarazza, il piacere prodotto dalla frutta matura, dalle note così ampie e complesse di spezie lasciano pervadere il palato da piacevoli sensazioni.

Vinoway prosegue il suo percorso nella Capitale con altre  splendide serate!



Foto di: Emanuele Di Bari.
Ultima modifica ilLunedì, 23 Febbraio 2015 16:23

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.