Log in

I VINI DEI NOSTRI AUTORI DEDICATI A VOI. II PARTE

Come Vi avevamo anticipato nell’articolo dedicato ai vini consigliati dai  nostri autori per le festività,  concludiamo con questa seconda parte con le preziose indicazioni di Claudia Bondi, Francesco Galeone, Pietro Caravello, Sabrina De Feudis e Andrea Pilu, rinnovandovi i nostri migliori auguri.

Prosit!

Claudia Bondi

Barolo DOCG “CANNUBI” 2010 - DAMILANO (PIEMONTE)

Cannubi: il cru per antonomasia, incontro tra i terreni di Langa elveziani e tortoniani. Risultato: rosa, viola, prugna, tabacco e molto di più. Un paradigma di finezza.

Amarone della Valpolicella Classico 2010 - BRIGALDARA (VENETO)

Appassimento delle uve per 120 giorni prima della vinificazione, con affinamento finale di 2 anni in botti grandi. Anche in bocca confettura di ciliegia ed amarena: velluto.

Chianti Classico Gran Selezione DOCG “COLONIA” 2010 - FELSINA (TOSCANA)

Dall’omonimo cru di 2,5 ettari, 100% Sangiovese secondo la più pura essenza della cantina: un’esplosione di mora, cioccolato e spirali eteree in complesso divenire. Magmatico.

Montepulciano d’Abruzzo DOC 2010 “BELLOVEDERE” - LA VALENTINA (ABRUZZO)
Espressione di una singola vigna al sapore di fragole di bosco, effluvi balsamici e chiodi di garofano. Bandiera del Montepulciano aristocratico, che sfoggia potenza ed eleganza.

Aglianico del Vulture “Il Repertorio” 2010 - CANTINE DEL NOTAIO (BASILICATA)
Riposa in grotte di tufo vulcanico prima di vedere la luce. E poi regala al naso una deliziosa marasca che si ritrova al palato, insieme ad un tannino gentile. Goloso.


Francesco Galeone

LESSINI DURELLO DOC METODO CLASSICO
Azienda Agricola SANDRO DE BRUNO
- MONTECCHIA DI CROSARA (VR)

Spumante ottenuto dal vitigno autoctono “Durello” e lavorato con il Metodo Classico, alla stregua dei grandi spumanti internazionali, 36 mesi di riposo in bottiglia a contatto con i propri lieviti.
Vino ricco di profumi, sprigiona gradevoli sensazioni di freschezza e sapidità tipici del Durello. Non si fa dimenticare.


LUGANA DOC "DEL LUPO"
Azienda Agricola Cà LOJERA
- PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Un Lugana che lascia il segno, prodotto da Trebbiano di Lugana 100% (localmente detto Turbiana) su terreni di argilla bianca.
Una lunga fermentazione in acciaio lo rende importante con sentori di agrumi e leggermente vegetale, al gusto una giusta mineralità / acidità, con un retrogusto di mandorla amara che lo completa.


RIESLING RENANO "PRAECIPUUS"
Azienda Agricola ROENO
- BRENTINO BELLUNO (VR)

Un vino che nasce da un progetto importante della famiglia Fugatti ottenuto da Riesling Renano, la raccolta viene effettuata manualmente con fermentazione in acciaio.
Si riconosce perfettamente la varietà con richiami di pesca.
Acidità, mineralità e morbidezza lo rendono armonico ed elegante.

VALPOLICELLA CLASSICO SUPERIORE DOC "MONTEGRADELLA"
Azienda  Agricola SANTA SOFIA
- PEDEMONTE DI VALPOLICELLA (VR)

Da uve Corvina e Corvinone (70%), Rondinella (25%), Molinara (5%) con appassimento per 40/45 giorni. 24 mesi di maturazione in legno (barrique e botti da 20hl), è un vino tipico delle colline veronesi con l’impronta dei vini importanti.
Profumi e gusto intensi e persistenti che richiamano frutti rossi maturi, ben equilibrato e morbido.


AMARONE CLASSICO DOCG "GASO"
Azienda Agricola SAN RUSTICO
- VALGATARA DI MARANO DI VALPOLICELLA (VR)

Con le uve tipiche della valpolicella (Corvina, Rondinella, Corvinone) messe ad appassire direttamente in plateaux o graticci in fruttai per circa 3 mesi.
La pigiatura viene effettuata a gennaio, fermentazione prolungata su vinacce con lieviti indigeni. Maturazione in botti di Rovere di Slavonia per 3 anni e un anno di affinamento in bottiglia.
Il rosso granato intenso lascia presagire l’importanza di questo vino, profumi di amarena, confettura di ciliegie e leggermente speziato, richiamati in bocca con gusto morbido e vellutato.


Pietro Caravello

TERZAVIA metodo classico 2011, blanc de blanc ( grillo ). Dosaggio Zero  12.00 %vol  Az. Marco de Bartoli -Marsala

Finalmente una bolla interessante, nonostante il territorio storicamente e territorialmente non predisposto.
Grillo e non chardonnay!
Neanche troppi mesi sui lieviti, ne bastano circa 24 ad un vino già complesso e strutturato di suo, spumante dorato ed intenso nel colore, con bollicine masticabili e cremose, olfatto di note calde e tipiche del grillo Marsalese, sorso pieno e persistente, accompagna  tutto pasto!
Questo è il risultato del pensiero di Renato De Bartoli, per me riuscito alla grande,  in un territorio dove ha sempre prevalso l' affascinante storia del Marsala e l'immensa quantità di vino prodotta di qualità discutibile.

ZIBIBBO ( vino secco ), 2012 Nino Barraco -Marsala

In un certo senso parente con il primo produttore.
Vino che riconoscerei alla cieca senza aver paura di farlo in pubblico ( già successo in una commissione di degustazione ), naso aromatico, ma con qualcosa in più, profumi non omologati, del solito zibibbo secco, non si avverte solo la mandorla ! Sembra quasi parente dei vini di Sauternes, zafferano e spezie bianche, note di pasticceria secca ed erbe aromatiche mediterranee, bocca potente, bel tannino ( ma non si dice ! ), persistente e da abbinamenti “Maschili” ( non da normale bianco )
Per apprezzare il lavoro di Barraco, c'è bisogno della stessa tipologia di persone,  che per capire la cucina di un ristorante ci vanno a mangiare almeno 5 volte, in periodi diversi.

BONAVITA Faro Doc 2011 di Giovanni Scarfone  -Messina

L’orgoglio  della mia terra, la provincia di Messina,  il produttore  è uno dei miei amici più importanti, quindi cercherò di limitarmi.
Quando leggevo testi sul vino dove si parlava di uomini, pensieri, vitigni, territori e vocazioni, non sapevo di avere un'esempio così vicino, soprattutto in una zona talmente piccola e decisamente poco sviluppata, insieme alla doc mamertino se rapportata alle diverse realtà regionali.
Nerello mascalese, nerello cappuccio e nocera, questo si trova in vigna, tutto in perfetta armonia, un fazzoletto di terra che per esposizione, altitudine, composizione del terreno e quel piccolo boschetto a protezione, dà vita ad un grande vino, sembra quasi gemello del produttore, poco aristrocatico e ben vestito, molto più vero, elegante e pulito dentro, contadino e signore allo stesso tempo, come  il suo vino!

VIGNA BARBAGALLI ETNA
DOC 2011  Az. PIETRADOLCE -Castiglione di Sicilia

Sono rimansto come un “babbo” ( come si dice da noi, quando si resta sbalorditi ), siamo a quota mille, non è una vigna, è un giardino curato dalla natura a forma di anfiteatro, vigne di 100 compleanni almeno,  che danno grappolini che a malapena coprono il palmo della mia mano.
Acidità e mineralità fantastiche, come deve essere un vino ETNA, profumi complessi e bocca setosa, grande persistenza, tutto in equilibrio, mai scontroso, pulizia, eleganza come i grandi cru della borgogna, ma con  una marcia in più, senza dubbio.

LANTIERI Malvasia delle Lipari DOC 2012,  Az. Punta dell' Ufala di Paola Lantieri -Isola di Vulcano

Che bello… un passito da malvasia che non è anche  dessert, acidità che da equilibrio, dolcezza piacevole, invitandoti a bere  il secondo sorso,  dà spazio alla sua caratteristica principale, il vulcano, minerale,  riconoscibile e riconducibile alle isole  EOLIE.


Sabrina  De Feudis


Questo periodo dell’anno ha per me un significato profondo, rappresenta un momento di grande riflessione e serenità, sono i giorni delle grandi riunioni familiari e dello stare insieme. Ecco qual è la mia personale selezione di vini che sarà presente sulla mia tavola durante i giorni delle feste. È un viaggio sensoriale che attraversa tutta l’Italia, tocca le mie regioni d’origine, Sicilia e Puglia ed è affascinante sia al gusto che all’olfatto.
Inizieremo con un brindisi e il modo migliore per farlo è con il Palazzo Lana Satèn, riserva 2006. Questo spumante prodotto nel cuore della Franciacorta, dalla famiglia Berlucchi, riposa sui lieviti per oltre 60 mesi, è composto da 100% Chardonnay. Ottimo da abbinare con gli antipasti a base di pesce, un buon inizio per continuare al meglio l’intero pasto.
Il Calanchi di Vaiano 2012, è un vino laziale prodotto nel territorio della Tuscia dall’azienda Paolo e Noemia D’Amico, è uno Chardonnay in purezza dai sentori fruttati e floreali in netta evidenza. Possiede un’ottima struttura ideale da abbinare con il classico piatto di tortellini in brodo del giorno di Santo Stefano.
Quota 600 2010, l’ho scoperto poco tempo fa, ma sin da subito me ne sono innamorata. È un Nerello Mascalese al 100%, prodotto dall’azienda di Umberto Graci collocata ai piedi dell’Etna.  Questo vino rosso intenso racchiude in ogni bottiglia la specificità del proprio straordinario territorio. La forte mineralità racchiude la tipicità del terreno vulcanico, dove sorgono le viti, dislocate per 15 etteri ad una quota di 600 metri d’altezza. Ideale da accostare a piatti strutturati, dai primi a base di sugo alle carni rosse.
Merla della Miniera, Terenzuola IGT Toscana Cannaiolo. Questo vino è costituito per l’85% da Cannaiolo Nero e per la restante parte da Tintoretto. Vari passaggi in botti di rovere lo rendono un vino dal carattere deciso e intenso.
Tornando a casa per le festività è d’obbligo concludere ogni pasto con il Moscato di Trani, Estasi. Sigillo finale che apporta con le sue note fruttate dall’albicocca all’uvetta, sino a giungere alla pesca.  Compagno ideale da accostare ai nostri dolci pugliesi della tradizione pugliese, le famose cartellate.


Andrea Pilu

Franciacorta Cuvèe Annamaria Clementi Cà del Bosco
(Chardonnay 55%, Pinot Bianco 25%, Pinot Nero 20%)
Cà del Bosco da anni produce l’eccellenza dello Spumante italiano. Con Annamaria Clementi, bottiglia che porta il nome della madre di Maurizio Zanella, patron dell’azienda, sono riusciti a racchiudere genialità, eleganza ed una qualità senza compromessi. Colore dorato e perlage elegantissimo fanno di questo fragrante spumante la giusta cornice ad un brindisi raffinato, ricercato e di assoluta pienezza e persistenza.

Franciacorta Vintage Collection Dosage Zéro Noir Cà del Bosco (Pinot Nero 100%)
Il Pinot Nero è un’uva complessa e difficile. Con questo Spumante, Cà del Bosco è riuscita ad esprimere le note nette e rigorose legate a quest’uva, dando alla luce un vino netto e rigoroso che dopo una lunga sosta sui lieviti viene imbottigliato senza aggiunta di “liqueur d’expédition”. Uno Spumante franco, vero che nel bicchiere ci rivela qualche segreto legato al Pinot nero e alla sua preziosità.

Franciacorta Palazzo Lana Brut Extreme Guido Berlucchi (Pinot Nero 100%)
Questo Spumante, dedicato all’elegante Palazzo Lana della famiglia Berlucchi è un meraviglioso millesimato che viene prodotto a partire dal “mosto fiore” dal quale trae profumi varietali unici e rari. E’ un vino di spiccata qualità organolettica, ricercata ed elegante, mai spigoloso ed eccessivo è un Franciacorta per veri intenditori del genere.

Alessandro Cabernet Sauvignon della Bergamasca I.G.T. Azienda Valba (Cabernet Sauvignon 100%)
La giovane azienda bergamasca Valba, sa cosa significa produrre qualità non come  punto d’arrivo di una produzione ma come punto di partenza. Un Cabernet Sauvignon che al primo anno sul mercato, 2011, ha riscosso un grandissimo successo, dimostrando al panorama enologico italiano come anche nei comuni bergamaschi fare prodotti di qualità sia non solo possibile ma necessario. Gran corpo e profumi intensi danno a questo Cabernet la forza di accompagnare i nostri cenoni natalizi e salutare con il giusto piglio l’anno che se ne va a favore di quello nuovo.

Prestigio Valtellina Superiore D.O.C.G. Azienda Triacca (Nebbiolo/Chiavennasca 100%)
Dalla Valtellina, luogo impervio per la viticoltura lombarda ma capace di regalare prodotti  interessanti, vi porto il “Prestigio” Valtellina Superiore DOCG dell’azienda Triacca.
Prodotto da uve Nebbiolo, qui  Chiavennasca, lasciate appassire in vigna per circa 30 giorni. E’ un vino corposo ed intenso, molto elegante e ben bilanciato. Ricco di sentori di frutta matura, speziato e leggermente vanigliato,  un vino naturalmente tannico ma vellutato che risulta superbo ed incanta per i suoi profumi e per il suo corpo.

Ultima modifica ilLunedì, 29 Dicembre 2014 15:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.