Log in

Fabio Tammaro Chef Emergente entra nel Team Vinoway

Nella variegata scena gastronomica italiana ho potuto apprezzare ultimamente un giovane cuoco, classe ’85, di origine Partenopea dalle grandi potenzialità, destinato, a mio parere, ad essere annoverato a breve tra i migliori cuochi italiani, Fabio Tammaro.

Nonostante la sua giovane età può vantare una serie di esperienze che in breve tempo lo hanno portato a rilevare il Ristorante Officina dei Sapori a Verona in risposta a coloro che definiscono “bambocciona” o “choosy” la nuova generazione.

Già all’età di vent’anni gli fu affidata la responsabilità di gestire le cucine di un relais  extra lusso nei pressi di Cortona. Fa esperienza in Toscana, tappa fondamentale per la sua crescita professionale, partecipa al concorso organizzato dal famoso giornalista Cremona “ Chef Emergente Centro Italia”, lavora per sei mesi a Chieti, dopodiché si trasferisce a Copenhagen e diventa Chef del noto ristorante “Il Grappolo blu”.

Forte di questa esperienza, torna in Italia per lavorare presso il Ristorante “ Officina dei Sapori” di cui, come già detto, attualmente è il proprietario.

Fabio Tammaro realizza solo pietanze a base di pesce, avendo cura di selezionare personalmente e quotidianamente le carni più pregiate, avvalendosi di mercanti che lo riforniscono direttamente dai mercati di Chioggia, di Cagliari, di Ancona, della Sicilia e della Costa Azzurra Francese.

A Verona l’Officina dei Sapori è tappa d’obbligo per i buongustai e per tutti coloro che vogliono apprezzare la cucina di mare in un luogo dove  la materia prima non viene mai “alterata”.

La presentazione del piatto è sobria e nel contempo elegante e rispecchia lo stile del locale e del suo proprietario che ti serve personalmente le sue raffinate e gustose creazioni.

Proprio per queste caratteristiche l’ho voluto per dar vita alla Rubrica gastronomica dedicata al pesce e sono sicuro che potrà dare un valido contributo al nostro portale per renderlo sempre più completo avvalendosi di figure competenti come la sua…

Davide Gangi

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.