Log in

Colli Euganei: ogni vino racconta la sua identità

Foto di "Strada del Vino Colli Euganei" Foto di "Strada del Vino Colli Euganei"
I Colli Euganei, a sud ovest di Padova, poco distanti da Venezia e Vicenza, si presentano con una conformazione diseguale, innalzandosi quasi all’improvviso dalla pianura verso il cielo.

Un territorio variegato, con paesaggi che testimoniano la complessa evoluzione geologica  che nel corso di milioni di anni ha lasciato rocce vulcaniche e sedimentarie. L’intera zona rientra nel Parco  Regionale della Regione Veneto che nel suo insieme ospita un percorso ricco di cultura, storia, arte e natura tutta da scoprire attraverso i meravigliosi panorami che si susseguono tra colli, boschi e prati, custodi a loro volta, di microclimi, biotipi, specie botaniche e faunistiche di grande interesse.

In questo territorio in cui la natura pare si sia divertita a comporre un collage in una superficie relativamente piccola, i vigneti, da secoli, costituiscono un punto di riferimento sicuro per quanti ancora vivono in simbiosi con la terra, lavorandola con grande rispetto.

Le Doc dei vini Euganei sono rappresentative della diversità dei terreni, quindi ogni vino racconta la sua identità.

La Doc Colli Euganei Rosso
, uvaggio che prevede Merlot, Cabernet Sauvignon, Carmenere e a discrezione del vignaiolo anche una parte di Raboso ha una storia particolare. Una storia che con un salto indietro ci trasporta al tempo dei Conti Corinaldi, che nelle proprietà di Lispida impiantarono vigneti bordolesi. Naturalmente oggi, ogni vino racconta la vita del suo vignaiolo…

La  Doc Colli Euganei Bianco
è rappresentativa di una gran parte di vitigni autoctoni , come la Gaganega, da cui si  produce un   vino  fresco, dalle note floreali e fruttate che ben si adatta a piatti a base di pesce e carni bianche.

La Doc Colli Euganei Chardonnay
, riservata a un vitigno internazionale che comunque fa proprie le caratteristiche del terreno in cui si sviluppa.

La Doc Colli Euganei Moscato da cui si produce un vino elegantemente aromatico con profumi intensi dovuti anche alle escursioni termiche dei pendii più freschi dei Colli Euganei. Dalla Doc Pinot  Bianco nascono vini che si prestano ad accompagnare  saporite minestre, pesce e carni bianche.

La Doc Serprino comprende un vitigno che ha una lontana parentela con la Glera da cui nasce il prosecco. Nei Colli Euganei il Serprino è un vino vivace e leggiadro. 
Da menzionare ancora la Doc Euganei Pinello, vitigno autoctono con una limitata produzione di vino adatto a brindisi spensierati.

La Doc Colli Euganei Manzoni Bianco, incrocio tra Riesling Renano e Pinot bianco e la Doc Euganei Garganega sono riservate a vitigni versatili che ben si adeguano al territorio in cui vengono impiantati.

Le Doc Colli Euganei Merlot e Colli Euganei Cabernet tutelano due vitigni sempre amati… Un’annotazione in più per la Doc Colli Euganei Carmenere, vitigno spesso scambiato per Cabernet ma che nei Colli Euganei, presente da un paio di secoli è oggi valorizzato assecondando sua vera natura.

La perla dei Colli Euganei è la  Docg Colli Euganei Fior d’Arancio. Da uve di Moscato giallo si produce un vino inebriante con caratteristiche organolettiche del tutto particolari, soprattutto per l’intenso profumo che ricorda le zagare. In versione secca, spumante e passito, il Fior d’Arancio colli Euganei è il vino più rappresentativo dei Colli  Euganei e ben si prestare all’appassionante gioco degli abbinamenti con ricette già sperimentate o nuove creazioni.

Per completare il percorso lungo la strada del vino dei Colli Euganei una tappa obbligata è il Museo del Vino Colli Euganei –MUVI- a VO’ (Padova) nelle cui sale sono custodite utili testimonianze  che aiutano a comprendere le radici del presente. Oltre a ottimi vini la generosa natura offre eccellenti prodotti quali olio extra vergine di oliva, l’oro verde dei Colli Euganei e meravigliose castagne che sin dal basso Medioevo costituirono il cibo principale per la sopravvivenza degli abitanti della montagna. Un calice di buon vino non è mai solo…

Ultima modifica ilMercoledì, 02 Dicembre 2015 08:39

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.