Log in

Oslavia: un microcosmo unico al mondo

Oslavia:  un microcosmo unico al mondo frauimfriaul.com by Stefano Toselli
"Lenzuolo Bianco è il nome del luogo, ed è un nome di guerra. Perché dalle parti di Oslavia il confine è infido come un serpente, e divide le genti, le costringe, così come divide le terre al mutare dei tempi. Ma attraverso i tempi e le guerre c’è il vino: che a quei tempi era sfuso, e si faceva senza attenzione e senza misura……Ma a Lenzuolo Bianco c’era il sentimento delle cose ben fatte, dell’uva buona, della cantina pulita, delle piccole accortezze, della cura del dettaglio".

Inizio la mia collaborazione con Vinoway, riportando un brano tratto dal libro Coltivare il Vino che Stefano Caffari ha scritto per raccontare Josko Gravner e Oslavia. Un microcosmo unico al mondo dove l’antica cultura della vinificazione viene esaltata dalle attuali tecnologie, nel rispetto della tradizione, donando prodotti di altissima qualità ma speciali.

Un microcosmo unico al mondo dove le colline guardano il mare, ricevono le dolci brezze ma anche la sferzante bora, sono un giardino decorato da terrazzamenti rivestiti da viti ma anche tanti boschetti e piante da frutto e piccole pozze.

Un microcosmo unico al mondo dove le cantine sono di proprietà di antiche famiglie che tramandano il sapere dei nonni ai nipoti, dove la casa di famiglia è sopra alla cantina, dove in cortile troverai sempre una sedia per riposare ed il cane di casa che ti farà le feste e un bicchiere di buon vino per brindare.

Un microcosmo unico al mondo dove le genti sono Italiane ma anche Slave ma anche Austro Ungariche, dove si parlano tante lingue e dialetti nel rispetto di tutte le culture, dove si fa festa ballando le danze tradizionali.

Un microcosmo unico al mondo dove la Ribolla Gialla riesce a offrire il meglio di se stessa nelle sue varie espressioni, dove qualche produttore utilizza le anfore per vinificare, dove molti effettuano lunghe macerazioni alle uve bianche donandoci vini arancioni. Oslavia un prezioso gioiello da visitare con garbo…

1 commento

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.