Log in

Custoza DOC, la Storia nel DNA

Custoza DOC Custoza DOC
Un blend di uve dosate sapientemente dà origine a un vino con un grande futuro.

Lo scorso fine settimana (14/15 settembre) ha visto ancora una volta il Custoza DOC e la Garganega protagonisti indiscussi di una serie di degustazioni proposte dal Consorzio Tutela Vino Custoza DOC di un centinaio di vini con uno stile ormai collaudato, che ha messo a confronto le diverse interpretazioni di 30 viticoltori scaligeri.

Un vino con la storia nel DNA non poteva che essere ospitato in un ambiente importante come Villa Venier di Sommacampagna (Verona), palazzo patrizio del XVII sec., aperto al pubblico per questa speciale occasione.

Questo confronto di Custoza e di altri vini prodotti con la Garganega ha suscitato grande interesse da parte di esperti, appassionati e stampa, confermando appieno le aspettative degli organizzatori.

Il percorso si è snodato all’interno di sale affrescate alla presenza dei produttori intenti a spiegare e proporre in assaggio le proprie “creature enoiche”.

In contemporanea con “Custoza e Altra Garganega” si è svolta, in un’altra sala della villa, la manifestazione “Custoza Plus”, organizzata dal Comune di Sommacampagna rivolta a stampa e blogger. Un banco d’assaggio di 26 Custoza e Custoza Superiore annata 2012 e trentadue dalla vendemmia 2011 alla 1999.

Gli assaggi dei vini d’annata hanno evidenziato le tipiche caratteristiche di questa DOC, leggera aromaticità, freschezza, bevibilità e versatilità nell’abbinamento, interessante inoltre la scoperta di prodotti d’eccellenza di annate più vecchie, come le vendemmie 2010, 2008 e 2004, con profumi, corpo e acidità ancora in grado di garantire eccellenti performance.

La forza del Custoza è il blend di uve dosate sapientemente, che danno origine a un vino “vestito con lo smoking” con un grande futuro.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.