Log in

I vini bianchi del Molise

Da anni ormai il Molise enoico gode di una forte associazione semantica con il termine “Tintilia”.
                      
La Tintilia è il biglietto da visita dell’intero comparto vitivinicolo molisano, è in termini di marketing un prezioso “Unique selling proposition”.
Sotto la coltre brandizzata Tintilia si nascondo anche eccellenze a bacca bianca: trebbiano, falanghina, moscato vengono interpretati in modo eccellente da alcuni produttori.

L’offerta è ampia, da bianchi non impegnativi affinati in acciaio, fino a quelli più strutturati che prevedono criomacerazione e affinamento in barrique, senza dimenticare le possibilità spumantistiche e le versioni passite.

La falanghina è ormai un punto di riferimento per molte aziende della provincia di Campobasso: Cantine Cipressi, ne produce una in purezza, contraddistinta da grande bevibilità  e freschezza; Cantine Salvatore, attraverso criomacerazione e un periodo di maturazione prima in acciaio poi in bottiglia, fornisce un’interpretazione caratterizzata da un bouquet  intenso ed elegante; come del resto quella prodotta dalla Cantina Terresacre che, grazie ad un processo di raffreddamento del mosto e fermentazione direttamente in barriques di rovere francese,  declina una falanghina  dal forte impatto cromatico, dal naso elegante e gusto intenso.     

Non mancano le declinazioni a base trebbiano: la proposta di De Lisio  con uve da agricoltura biologica; Cantine Borgo di Colloredo un blended a base di trebbiano, bombino e malvasia strutturato e ben bilanciato.

Nuovi ed interessanti orizzonti anche per gli spumanti: Valerio Vini, produttore della provincia d’Isernia, oltre ad avere  restituito pregio e spessore identitario alla DOC “ Pentro” per molto tempo “obnubilata”, ha da poco intrapreso un preciso percorso verso la spumantistica con due nuovi prodotti.

E a fine pasto ovviamente un ottimo passito. Lo storico vitigno moscato reale è il protagonista del passito di Cantine D’Uva: esigua produzione che prevede l’appassimento direttamente su pianta e parzialmente al sole sui graticci. Vino dal grande panorama olfattivo e gusto-olfattivo, caratterizzato da piacevole freschezza e da una dolcezza mai stucchevole. Il Moscato del Molise Apianae di Di Majo Norante non ha certo bisogno di presentazioni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.