Log in

L'ABRUZZO CHE CRESCE - PARTE II

L'ABRUZZO CHE CRESCE - PARTE II L'ABRUZZO CHE CRESCE - PARTE II
Vino, Cultura e Territorio come connubio inscindibile per far conoscere una realtà che valica il calice del Vino e diventa Matrice culturale Abruzzese.

Jenny Viant Gomez davanti alle telecamere della Vinoway Web TV  intervista Nicola D’Auria presidente del Movimento Turismo del Vino Abruzzo nonché titolare dell’azienda Dora Sarchese ed Enrico Marramiero vicepresidente del Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo nonché titolare della Cantina Marramiero.


Nicola D'Auria parla dell’Abruzzo e del Movimento del Turismo del Vino:

"L'Abruzzo fa qualità da diverso tempo, in futuro l'obiettivo è quello di promuovere il territorio nel suo complesso. Come MTV Abruzzo crediamo molto in questo. Noi diciamo: veniteci a trovare in Abruzzo, se non potete farlo voi, noi proviamo a farvi vedere cosa offriamo, quindi grazie a Bibenda per averci dato questa opportunità."

"Siamo 56 associati - continua D'Auria - crediamo molto nei progetti che si sono attivati e nell'aprirci agli appassionati. La vendita oggi è scesa a livello di enoteche mentre è aumentata a livello di grande distribuzione quindi per le cantine, specie di piccole dimensioni, la vendita fatta in cantina è importante. Quando il consumatore beve in cantina e conosce il produttore, torna a casa con un'altra mentalità."

Enrico Marramiero elogia il lavoro di tutti i produttori che riescono a mettere in risalto le peculiarità del territorio abruzzese:

"Il consorzio di tutela cerca di comunicare le eccellenze d'Abruzzo nonchè la loro qualità. Puntiamo molto su quello che ci ha permesso di fare passi da gigante a livello nazionale ed internazionale, ovvero il rapporto qualità-prezzo."

"Il Montepulciano d'Abruzzo, re dei nostri vini, è stato al centro delle nostre campagne di comunicazione, da oggi però daremo spazio sia all'altro grande nostro vitigno, il Trebbiano d'Abruzzo, che agli altri minori che vengono racchiusi sotto la denominazione Abruzzo DOC, ovvero Cococciola, Passerina, Pecorino."

"Ricordo che Montepulciano e Trebbiano sono le DOC più grandi d'Europa ma sotto questa unità c'è un'articolazione che può offrire delle espressioni totalmente diverse, anche grazie al Consorzio di Tutela che offre opportunità di confronto tra grandi e piccoli produttori. Un vino della costa è diverso da uno di una vallata dell'interno, piuttosto che uno delle colline pescaresi o dei pendii dell'aquilano. Questa è la forza del nostro territorio. Lo ha dimostrato  anche Bibenda con una degustazione di vini da Trebbiano d'Abruzzo, vini da poter conservare in cantina e degustare con calma."

Jenny Viant Gomez è enogastrogiornalista, termine da lei stesso coniato, cubana di origine, abruzzese di adozione e cittadina del mondo. Appassionata di tutto ciò che riguarda il gusto, collabora e fa parte del Team Vinoway

Le interviste, che seguono quelle di Enrico Cerulli Irelli e Valentina Di Camillo, sono state effettuate nel corso dell'inaugurazione dell'Anno Sociale 2013-2014 dell'Associazione Italiana Sommelier Roma, con la presenza delle migliori aziende  Abruzzesi ed una manifestazione in grande stile organizzata da Bibenda diretta da Franco Maria Ricci.

Video

Ultima modifica ilGiovedì, 21 Novembre 2013 08:38

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.