Log in

Suggerimenti sul comportamento a Tavola

Usare le buone maniere a tavola è una chiave passe-partout per il successo dell’individuo. Far una buona impressione a tavola, trasmette al mondo esterno molta informazione riguardante il rispetto, la sincerità e la maturità che si riserva agli altri.

In nessun luogo come in pubblico ed in un ristorante, sono importanti le buone maniere, nonostante siano obbligatori in qualunque ambiente.

Le buone maniere  sono un fondamentale aspetto della vita sociale e sono efficienti nel promuovere la propria accettazione, apprezzamento e accoglienza.

Evolve negli anni, il codice di comportamento, che rende evidente le aspettative di un comportamento sociale a secondo delle norme convenzionali contemporanee all’interno della società stessa.

Nella classe o nel gruppo sociale, perdura il concetto di una condivisione di civiltà e maniere che siano buone, in altre parole, le buone maniere.

Ognuno dei codici della gestione di sé, deve essere costruito su una solida base di educazione.

Le buone maniere a tavola sono fondamentali in ogni setting culinaria, che sia in pubblico o no.

Quando si è consapevole che la consumazione del cibo e vino sia un’esperienza che  vada oltre il semplice atto di mangiare e bere, è indiscutibilmente evidente e comprensibile quanto l’etichetta sia importante.  

Senza dubbio, una linea di comportamento accettabile a tavola può essere il seguente:

- Si deve far in modo che il telefonino non crei disturbo al proprio tavolo né agli altri intorno
- Appena seduti a tavola, si deve aprire il tovagliolo e appoggiarlo sulle gambe
- Non appoggiare i gomiti sul tavolo.  Si possono appoggiare i polsi sul bordo del tavolo, oppure fino a metà dell'avanbraccio sempre sul bordo del tavolo
- Comunicando con lo staff, sii cortese e rispettoso
- Per richiamare l’attenzione del personale, un cenno con la testa o uno sguardo sarà sufficiente
- In caso d’insoddisfazione di qualunque genere, è corretto chiedere di parlare con il maître o il titolare
- Si attenda che tutti i piatti ordinati arrivino a tutti i commensali prima di iniziare a mangiare.  L’uomo lascerà che la compagnia femminile inizi a mangiare.  Durante un pranzo o cena di lavoro, il datore di lavoro inizierà  per primo ed a casa di amici sarà la padrona di casa.
- Ricordare che per distinguere quale sia la propria mise en place, la regola è che si mangia da sinistra e si beve da destra. Ovvero, le posate a sinistra sono per il proprio servizio e i bicchieri a destra del proprio piatto sono al proprio servizio
- Non si emettono i suoni della digestione mentre si è a tavola
- Non masticare con la bocca aperta
- Non parlare con il cibo in bocca
- Non si leccano le dita
- Si finisce di masticare prima di portare alla bocca il bicchiere
Si passano i piatti da portata, il sale e il pepe (che non dovrebbero stare sulla tavola. Andrebbero gestiti adeguatamente dal cuoco in cucina) da sinistra a destra. Non allungare le braccia o passare davanti agli altri commensali. Presta attenzione cortesemente alla persona seduta alla tua  destra e sii attento a versare l’acqua, il vino e passare il pane opportunamente
- Usare le posate di servizio per prendere il cibo dal piatto di portata.  Non usare le proprie

In questa seconda parte degli articoli sulle buone maniere a tavola, non è ancora completo l’elenco di tutti i suggerimenti sul comportamento.  

A tavola, si presentano diverse dinamiche, articolate nei vari momenti in successione durante il pasto quindi seguiranno approfondimenti.

L’esperienza vissuta personalmente da ciascun commensale, rende complesso e rigoroso il comportamento grazioso e rispettoso a tavola.  

Fermando qui, gli esempi delle varie circostanze possono essere comprese e assorbite meglio dal lettore interessato…

Ultima modifica ilLunedì, 10 Marzo 2014 19:10

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.