Log in

Mette il turbo il Premio Apollonio

Volano gli anni. Hanno messo il turbo, sembrava ieri che il Premio Apollonio avesse cominciato questa eccellente combinazione tra vino, musica, cultura ed anche un po' di mondanità.

Ed invece siamo alla XI-esima edizione.

Nello splendido cortile del rettorato dell'Università del Salento è l'occasione per premiare un pugliese del mondo. Questa volta è toccato allo stilista Ennio Capasa del quale invidieremo sempre gli abiti un po' per la ragione di Luca Barbarossa e un po' per quella di Massimiliano Apollonio.

La serata è cominciata un po' in ritardo poiché la scaletta era molto attrattiva e il pubblico si è accavallato nonostante gli sforzi dell'organizzazione.

La conduzione è stata affidata a Luca Barbarossa e Neri Marcorè che si son portata appresso gran parte della Band di Radio due social forum. Bravissimi come sempre, e come gli ospiti, dal giovane Antonio Maggio alla insuperabile Banda Osiris in una performance straordinaria.
Il punto forte della serata era lui, Francesco De Gregori, una scaletta di vecchi successi con cappellino bianco e Neri Marcorè a cantare Generale ...

Risate ed emozioni dunque, un blending suggestivo e che lascia traccia nella memoria chiuso dal riconoscimento del Sindaco Paolo Perrone a Neri Marcoré di amico della Città di Lecce, anche per il suo eccellente dialetto salentino.

A Marcello e Massimiliano Apollonio il riconoscimento per aver saputo affiancare ai loro ottimi vini una nuova tradizione che è quella di ottimi spettacoli per un ottimo premio. Sperando di vincerlo prima o poi ... magari alla CLI edizione.
Ultima modifica ilDomenica, 28 Giugno 2015 11:31

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.