Log in

Vinoway al 47° congresso nazionale AIS

Si è tenuto il 16 e 17 novembre u.s. a Firenze, negli ambienti della Stazione Leopolda il 47° CONGRESSO NAZIONALE DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER, organizzato dalla Delegazione A.I.S. Toscana. Occasione annuale di incontro con tutte le delegazioni regionali per poter parlare di vino e di chi lo comunica, attraverso degustazioni e convention su temi rilevanti.

Vinoway non poteva mancare a questo importante evento organizzato dalla principale Associazione Italiana che si occupa della Cultura del Vino, le ultime edizioni avevano proposto un viaggio tra diverse realtà delle regioni del Sud Italia per arrivare lo scorso anno a Roma - evento che potete rivivere attraverso la Vinoway Web TV – nel 2014 sarà a Torino per approdare nel 2015 a Milano, sede storica dell'Associazione.

Per la prima volta in assoluto nella sua storia il Congresso è stato aperto al pubblico con l'intento di far conoscere attraverso degustazioni sia libere che guidate anche ai non addetti ai lavori l'eccellenza enologica e oleicola italiana raccontata, oltre che dagli stessi produttori italiani, soprattutto dai sommelier AIS che ogni giorno sono impegnati nel comunicarle con impeccabile professionalità e passione.

Particolarmente fitto è stato il programma con l’Assemblea Nazionale di sabato 16 novembre alle 10.00 che si è tenuta prima dell’apertura delle porte al pubblico per una lunghissima sessione di degustazione libera durata fino alle 22.
Sabato 16 novembre si è tenuto anche il convegno “Clima e Vino”, moderato dal consigliere nazionale e delegato AIS di Lucca Leonardo Taddei con il Prof. Attilio Scienza, ordinario di Viticoltura e Direttore del Master in Gestione del Sistema Vitivinicolo all’Università di Milano, tra i protagonisti insieme all’imprenditore vitivinicolo e scrittore Giovanni Negri, al Prof. Stefano Orlandini del Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell’Ambiente dell’Università di Firenze, Marco Moriundo ricercatore dell’Istituto di Biometeorologia del CNR ed al Prof. Bernardo Gozzini del Consorzio Lamma. Illustri ospiti che hanno parlato dell’incidenza e dei mutamenti climatici nelle varie fasi della maturazione dell’uva e quindi sulla qualità del vino che si riscontrano nel calice.

Domenica 17 novembre dalle ore 10 alle ore 12, coordinati dalla giornalista vicedirettore del TG5 Cesara Buonamici, sono stati protagonisti della tavola rotonda “Wine Trend”   ToscaniIlly, Moser  Arnaldo Caprai, personaggi del mondo  della cultura, dell’imprenditoria, della musica, dello sport che si sono innamorati del mondo del vino e hanno compiuto la coraggiosa scelta di iniziare a produrlo nelle tenute di proprietà o acquisendo ex novo terreni su cui praticare la viticoltura.

Oliviero Toscani: “Il Vino fa parte del gusto ed il gusto è molto discutibile. Ho bevuto lambruschi che mi hanno dato una gioia incredibile e vini “blasonati” che mi hanno dato tristezza. Io non voglio Vini da funerale. Il Vino deve essere trattato con la gioia”. “Ci manca la capacità di fare sistema. Noi abbiamo la possibilità di fare Vino, smettiamola di fare Vini Scarafoni!”
“C’è chi mi critica perché ora produco Vino. L’esperienza di altri pensieri porta novità. Chi di voi non ha mai fatto una fotografia? Eppure io  non ce l’ho con voi. In Italia questo non è apprezzato”…


Illy: “Se assaggiassimo alla cieca un Petrus con grandi Vini Italiani, sono sicuro che Petrus le prenderebbe”…

Moser: “Mio padre ha sempre prodotto Vino, si produceva la schiava”. “ La fama aiuta a vendere il Vino ma non si può vendere senza qualità. Come nello sport non bisogna mai accontentarsi”…

Arnaldo Caprai: ”Noi abbiamo imparato molto dai francesi. Loro hanno uno stile particolare, ma noi con il territorio che ci ritroviamo abbiamo più potenzialità di quanto se ne possa immaginare. Noi non ci sentiamo arrivati, io ho ottant’anni e ho ancora il gusto di imparare. Mio figlio fa sempre sperimentazioni”…

Il presidente AIS Antonello Maietta conclude  con questa frase: “In questo convegno i Sommelier hanno parlato poco e si sono impegnati tanto. Abbiamo ascoltato i vostri consigli e li abbiamo recepiti. Ci avete trasmesso passione”…

Arrivederci nel 2014 a Torino.

Video

Ultima modifica ilMartedì, 19 Novembre 2013 15:21

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.