Log in

Concorso del Custoza DOC e Custoza DOC Superiore: 42 anni e non dimostrarli

CUSTOZA è sinonimo di storia e lunga tradizione, ma viene naturale associarla alle incantevoli colline veronesi che ospitano vigneti curati come giardini dai quali l’uomo, con la passione e l’amore per questa terra, produce un vino d’eccellenza: il CUSTOZA DOC.


Questo bianco viene ottenuto con uve Trebbiano Toscano, Garganega, Trebbianello (biotipo locale del Tocai Friulano), Bianca Fernanda (clone locale del Cortese), Malvasia, Riesling Italico, Pinot Bianco, Chardonnay e Manzoni Bianco, sapientemente impiegati dai viticoltori locali seguendo il rigido Disciplinare di Produzione.

Dopo un anno di lavoro i produttori del Custoza si sono rimessi in gioco partecipando al 42° Concorso Enologico (tra i più antichi e selettivi d’Italia), organizzato dalla Pro Loco di Custoza e la collaborazione della Strada del Vino Bianco di Custoza con qualche modifica nel regolamento rispetto alle precedenti edizioni, con l’approvazione del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

La selezione dei vini si è svolta sabato 18 maggio da parte della commissione, composta da Enologi, Assaggiatori ONAV e Sommelier, con il compito di valutare singolarmente e alla cieca tutti i campioni in gara nella propria postazione (n. 21 Custoza DOC 2012 e n. 3 Custoza DOC Superiore 2011) e come da regolamento sono stati premiati con il “Diploma con Medaglia d’Oro” i vini che hanno raggiunto la media di 85/100 per il Costoza DOC 2012 e 87/100 per il Costoza DOC Superiore 2011.

Nella categoria Custoza DOC 2012 le cantine premiate sono state 15:

Albino Piona di Custoza, Antica Corte Bagolina di Custoza, Bolla di Bussolengo, Cantina di Castelnuovo del Garda, Gorgo di Custoza, Il Pignetto di Bussolengo, Lenotti di Bardolino, Meneghello di Pacengo, Morando Lorenzo di Bussolengo, Pezzini Albino di Valeggio sul Mincio, Tamburino Sardo di Custoza, Tinazzi di Lazise, Valbusa di Valeggio sul Mincio, Villa Medici di Sommacampagna e Zenato di Peschiera, mentre per la categoria Custoza DOC Superiore 2011 l’unico campione premiato è dell’Azienda Villa Medici di Sommacampagna.

Le premiazioni si sono svolte sabato 7 giugno presso il Centro Sportivo Picoverde di Custoza durante la cena di gala alla presenza di produttori, commissari, giornalisti e numerosi ospiti. Ad introdurre la serata Manuela Tommasi, Presidente della Pro Loco evidenziando che, per le cantine non premiate non è un mancato obiettivo, anzi con la loro presenza hanno dimostrato la volontà di migliorarsi e di mantenere alto il nome del Custoza per la qualità e la promozione del territorio.

Giuseppe Residori, prosindaco del Comune di Sommacampagna, ha portato i saluti dell’amministrazione, confermando che il “Vino Custoza” è il fiore all’occhiello del comune, che è da tempo un mezzo importante di promozione per il territorio, così come le colline del Custoza sono un forte richiamo per molti turisti che hanno la possibilità di ammirare un paesaggio inalterato nel tempo.

Alcuni diplomi sono stati consegnati da Max Viggiani, giornalista di RTL 102.5, il quale prima di lasciare la sala ha dichiarando di essere rimasto colpito positivamente dell’attaccamento dei produttori al proprio territorio e questo non può che essere un valore aggiunto.

Un’altra testimonianza importante è arrivata da Pierino Grigolato, Delegato Provinciale e Consigliere nazionale dell’ONAV, complimentandosi con tutti i produttori per aver saputo capire le sfide del mercato, dando risposte pratiche con vini unici e di qualità.

A chiudere la serata, con i saluti di rito, il responsabile concorsi della Pro Loco Gastone Armigliato, ringraziando tutti per la fattiva collaborazione, rinnovando l’invito per il 2014.

Il 42° Concorso del Custoza ha dimostrato come il vino di qualità può andare tranquillamente a braccetto con il territorio.



Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.