Log in

Il Festival Franciacorta con AIS Bari

Si dice bollicine  made in Italy, si chiama Franciocorta DOCG!
Con le sue mille mille bolle, non blu,  ma di un brillante giallo paglierino, persistenti, numerose e fini, il  Franciacorta DOCG e' stato il protagonista dell'omonimo primo Festival svoltosi  il giorno 22 aprile scorso in terra di Puglia.


Nella elegante cornice di Villa Romanazzi Carducci, l'AIS Puglia Delegazione di Bari ha  promosso e curato il primo  "Festival Franciacorta" aprendo i battenti prima agli operatori del settore e quindi, nel tardo pomeriggio, al pubblico.

Lo scopo della manifestazione organizzata dall'Ais Bari e' stato quello di diffondere la conoscenza di un territorio, di un metodo di vinificazione e di un vino, i quali si identificano con un solo e unico appellativo: Franciacorta.

L'Ais Bari ha confermato, ancora una volta,  tutta la propria capacità organizzativa e la propria esperienza, dando vita ad un evento la cui eco è andata ben oltre l'ambito cittadino.

In sala, sui banchi di assaggio gestiti con la consueta professionalità dai sommelier Ais, hanno fatto bella mostra di se' ventidue tra le più note  aziende produttrici, tutte aderenti al Consorzio per la Tutela del Franciacorta, offrendo al pubblico pugliese l' eccellenza della loro produzione.

Centinaia sono state le bottiglie stappate, così come varie centinaia sono stati i visitatori.

A ciascuno di essi, i sommelier presenti ai banchi di assaggio, hanno fornito informazioni, dettagli, consigli e  il consueto sorriso.

Ma la manifestazione è andata ben oltre!

Contemporaneamente alla degustazione, in un'altra sala della prestigiosa location, l'Ais Bari  ha offerto la possibilità di approfondimenti culturali e tecnici, organizzando due seminari pomeridiani.

Il “Festival Franciacorta” si è così arricchito  del prestigioso contributo di due relatrici della delegazione barese,  le quali hanno introdotto e guidato i partecipanti ad approfondimenti più specifici su questo vino, in particolare attraverso l'analisi sensoriale visiva, olfattiva e gustativa dello stesso.

Se la conoscenza e la diffusione dei nostri vini regionali costituisce da sempre uno degli scopi principali della didattica dell'Ais Puglia, non di meno le relatrici della delegazione barese hanno dimostrato di avere una competenza e una conoscenza che va al di la' dei confini regionali.

La sommelier relatrice dott.ssa Agnese Di Noia ha condotto l'incontro dal tema " Franciacorta al femminile: esperienze a confronto".

L'evento, con la partecipazione di una produttrice, si è incentrato sulla degustazione di  tre tipologie di Franciacorta, un Saten, un Rose' Brut e un Dosaggio Zero, in abbinamento a piatti creati dalla chef barese Maria Lonigro.

A seguire, la sommelier relatrice Betty Mezzina ha  condotto il seminario dal tema “ Franciacorta, un vino,una terra",  con la partecipazione del dott. Michele Bozza, rappresentante del Consorzio.

La relatrice ha  guidato il pubblico in un excursus che dalle caratteristiche del territorio di Franciacorta si è poi sviluppato sui sistemi di allevamento dell'uva, sul metodo di vinificazione, sulle diverse tipologie prodotte; e' seguita la degustazione delle sei tipologie di  Franciacorta, altrettante interpretazioni differenti dello stesso vino.

La manifestazione  ha registrato una partecipazione oltre il previsto, suscitando l'interesse e l'entusiasmo di operatori e appassionati, neofiti ed esperti, semplici curiosi: numerosi anche gli esponenti della stampa presenti ai seminari e in sala.

Del resto ormai da tempo la fama del Franciacorta ha varcato i confini di quel piccolo lembo di terra lombarda, in provincia di Brescia, nel quale viene prodotto.

Ma qual'è il segreto di tanta meritata fama?

La Franciacorta è certamente un territorio vocato alla viticoltura: fonti storiche attestano la presenza del vino “Mordace” già nel 500.

Ma  la vera svolta si compie negli anni '50, allorquando  alcuni produttori  compresero la necessità di puntare su una viticoltura di qualità, attraverso la modifica delle forme di allevamento, orientandosi verso l'infittimento degli impianti, la conseguente necessaria vendemmia manuale e una bassissima produzione per ceppo.

Si sa, poi, che la mano dell'uomo poco potrebbe senza la complicità della natura: e  in questo territorio, la natura  ha creato  condizioni ideali per la coltura della vite che qui può godere di un terreno morenico ricco di sostanze minerali e di un clima mite.

Se poi ai sistemi di allevamento innovativi e al favore della natura si aggiunge la giusta intuizione di creare un Consorzio per la tutela, valorizzazione e promozione del prodotto, ben si comprende perchè il Franciacorta sia diventato un vino di cosi conclamata eccellenza.

Il Franciacorta è stato il primo vino rifermentato in bottiglia ad aver ottenuto in Italia, nel 1995, la Denominazione di Origine Controllata e Garantita; prodotto con il metodo Franciacorta, si ottiene da uve Chardonnay e/o Pinot nero e/o Pinot Bianco, in percentuale variabile a secondo della tipologia.

Se lo chardonnay ha il ruolo di “prima donna” conferendo al vino i suoi profumi, non da meno il Pinot Nero conferisce al Franciacorta longevità, mentre il Pinot Bianco la sua tipica eleganza.

Il pubblico pugliese presente all'evento, inebriato dai classici sentori di crosta di pane e lievito, agrumi e frutta secca,  ha reso il giusto omaggio a questo grande vino.

È piaciuto il “Franciacorta Saten”, la più recente tipologia inserito nel disciplinare, caratterizzato da una minore pressione in bottiglia e quindi da maggiore morbidezza gustativa; molto apprezzato anche il Franciacorte Rosè, per il corpo conferitogli dalla presenza del Pinot Nero.

Tutti concordi poi sul Franciacorta Millesimato, espressione delle caratterisiche dell'annata, e del Franciacorta Riserva che riposa sui lieviti almeno 60 mesi.

E' stata una grande festa, insomma, che l'Ais Bari ha voluto organizzare per il pubblico pugliese: e come in ogni festa che si conviene non potevano mancare le bollicine, quelle del Franciacorta DOGC, naturalmente!
Ultima modifica ilSabato, 27 Aprile 2013 07:17

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.