Log in

Dolce Puglia 2012: i vincitori

La festa dei vini dolci pugliesi si è conclusa raccogliendo approvazione e consensi favorevoli da parte del pubblico. Quest’anno la manifestazione ha intrapreso un duplice percorso.
Non solo ha consolidato la promozione del vino dolce nella terra di origine, ha promosso la sua diffusione anche nelle terre della grande Russia. Un mercato emergente e in fase di sviluppo che si apre non solo ai rossi, più conosciuti, ma anche ai dolci che hanno favorevolmente colpito le rappresentanze russe intervenute alla manifestazione e in particolare Aleksandr Shumilov, vicepresidente CEO of import branch.

La collaborazione si è resa possibile grazie alla intesa sinergica tra enti ed associazioni: regione Puglia con l’assessorato alle politiche Agro-alimentari, Camera di commercio Italo Orientale e Associazione Italiana Sommelier. In effetti, questa è l’unica via percorribile. Fare sistema, creando una rete di collaborazione con le imprese del territorio è l’unico modo per affrontare il momento di crisi attuale che coinvolge l’intero sistema produttivo. Diversamente, le singole aziende non sono in grado con le sole proprie forze, responsabile la congiuntura economica, ad essere competitive ed innovative.

L’Assessore Dario Stefàno,    ha  voluto sottolineare, con un pizzico di orgoglio, che  il  Vino Primitivo è considerato tra i migliori Vini d’Italia (cit. Es di Gianfranco Fino) e di questo ne dobbiamo essere fieri.  Bisogna continuare su questa strada intrapresa  facendo della Puglia un esempio da emulare.

‘Questa tipologia di vini - ha affermato il dott. Peppino Baldassarre, resp. Nazionale area Vino e Salute AIS – attirano molto l’attenzione. Parlano di storia e geografia, dei rapporti con l’Africa e la Grecia antica. I passiti sono figli del sole, con i loro colori dell’oro, dell’ambra e della porpora. I profumi di frutta candita, marmellata e albicocche. Ben si accompagnano con i dolcetti di mandorla, fichi secchi al cioccolato e formaggi stagionati. Lo stress, ha concluso Baldassarre, si combatte rilassandosi in compagnia di un buon vino da meditazione’. La scelta era piuttosto ampia nella cornice dell’Oasi Sacro Cuore in S. Maria dell’Isola a  Conversano! Le cantine che hanno partecipato alla kermesse sono state tante, provenienti da tutta la regione.

Ecco i vincitori per categoria:

ALTRE UVE BIANCHE
1° CLASSIFICATO: LE BRICIOLE 2004 – AZIENDA MONACI
2° CLASSIFICATO: TOCY 2009 – PIRRO VARONE
3° CLASSIFICATO: LE RICORDANZE 2009 – AZ. TAURINO/ GRAVISANO 2006 – BOTROMAGNO

MOSCATO
1° CLASSIFICATO: PASSITO DI MOSCATO 2011 – CANTINE DI LIZZANO
2° CLASSIFICATO: DULCIS IN FUNDO2009 –TORREVENTO
3° CLASSIFICATO: HELIOS 2011 – AZIENDA AGRICOLA TOTO

ALEATICO
1° CLASSIFICATO: ALEATICO 2006 – TENUTE VIGLIONE
2° CLASSIFICATO: ALEATICO 2008 – CANTINE POLVANERA
3° CLASSIFICATO: ALEATICO PASSITO 2011 – ANTICHE TERRE DEL SALENTO

ALTRE UVE NERE
1° CLASSIFICATO: BOTRUS 2010 – BOTRUGNO
2° CLASSIFICATO: PIETRA CAYA 2011 – CANTINE DI SAN DONACI
3° CLASSIFICATO: PASSIONE 2006 – CANTINE DE FALCO

PRIMITIVO
1° CLASSIFICATO: DOLCE NERO 2007 – MILLE UNA
2° CLASSIFICATO: SUAVIS 2009 – AGRICOLA PLINIANA / MADRIGALE 2007 – CONSORZIO PRODUTTORI VINI
3° CLASSIFICATO: NEKTARE 2010 – SOLOPERTO
Ultima modifica ilLunedì, 22 Ottobre 2012 19:17

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.